Mauro BonifacioMauro Bonifacio

tastiere

Ha compiuto gli studi di pianoforte e di composizione diplomandosi con Piero Rattalino e Azio Corghi presso il Conservatorio di Milano.

Ha studiato direzione d'orchestra con Karl Österreicher (Verein Musikseminar - Wien) e Mario Gusella (Accademia Musicale Pescarese).

Dal 1997 è docente al Conservatorio di Milano, ove è anche responsabile del Laboratorio di Musica Contemporanea.

Tiene Masterclass di composizione e analisi musicale per varie istituzioni.

Le sue composizioni sono commissionate dai principali Festival e programmate in importanti stagioni concertistiche europee.

Tra i suoi lavori, Inquieto per 9 strumenti (cd Fonit-Cetra) è stato eseguito all’IRCAM, alla Biennale Musica di Venezia e al Museum of Fine Arts di Boston.

Per RAITRE ha composto le opere radiofoniche Il frutto senza nome (1994, su libretto di Emilio Isgrò) e Tragedia di Roncisvalle con bestie (testo di Giuliano Scabia), presentata al Prix Italia 1997.

Ha realizzato l’orchestrazione dell’opera La ville morte di Nadia Boulanger e Raoul Pugno su libretto di Gabriele D’Annunzio.

L’opera, edita da Heugel/Leduc, è andata in scena in prima mondiale a Siena nel 2005 con grande successo. Cartes jouées (2007) per 5 strumenti è stato eseguito dal Dédalo Ensemble ai Festival di Miami, Sevilla e Bilbao.

È tra i soci fondatori di AGON, centro di ricerca musicale con tecnologie elettroacustiche e informatiche con il quale ha realizzato grandi produzioni per opere liriche, sinfoniche, cameristiche e radiofoniche, commissionate dai più importanti Teatri italiani ed europei: Teatro alla Scala, Teatro Regio di Torino, Teatro S. Carlos di Lisbona, Teatro di Münster, Milano Musica, Tempo Reale di Firenze, Mittelfest, Piccolo Teatro di Milano, Politecnico di Milano, RAI.

Dal 1994 al 2001 ha collaborato con l’Ensemble MUSICA20, con il quale ha diretto molte prime esecuzioni e ha registrato tre cd per l’etichetta BMG Ricordi.

Ha diretto la prima mondiale di Un petit train de plaisir, balletto di Azio Corghi con la coreografia di Amedeo Amodio e con Bruno Canino, Antonio Ballista e Les percussions de Strasbourg (Rossini Opera Festival 1992).

Il cd BMG Ricordi con la medesima opera ha vinto il premio Editor’s Choice 1995 nell’ambito delle manifestazioni di Cannes Classical Awards.

Please publish modules in offcanvas position.